Feb 3, 2021 in 

Introduzione al Counseling su Base Biblica

Documento di Ricerca di Counseling su Base Biblica

Gavriela Frye

Counselor

18 $ / session

  • 1 Publication
  • 13 found this helpful
  • 4 shares
Article cover

 

Introduzione al Counseling Ebreo Messianico

In Proverbi 11:14 Hashem (Dio) fornisce alcune informazioni sull'importanza dei Counselors

 

 

 

 

 

Documento di Ricerca di Counseling su Base Biblica

Un documento

Was this article helpful to you?

0 found this helpful.

Help others by letting them know what helped you!
We are stronger together.

Did you know that you can also talk with the author of this article ?

Gavriela Frye

Counselor

18 $ / session

  • 1 Publication
  • 13 found this helpful
  • 4 shares

Presentato al Rabbino Harel Frye

del

Villlage of Hope & Justice Ministry

In adempimento parziale

dei Requisiti per il Corso

Introduzione al Counseling Ebreo Messianica:

nella

Divisione dei Ministeri Rabbinici

 

 

 

 

 

 

 

 

Gavriela Frye

IMBI Perugia, Italia, 30 novembre 2020

 

 

 

CONTENUTI

Sezione

 

Introduzione 1

Panoramica di un Counseling su base Biblica 2

Abilità di Counseling di base 6

Lutto, dolore e perdita 13

Conclusione 14

BIBLIOGRAFIA SELEZIONATA 15

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

iii

Introduzione

In Proverbi 11:14 Hashem (Dio) dà un'idea dell'importanza dei Counselors: "Dove non c'è guida, un popolo cade, ma in abbondanza di Counselors c'è sicurezza".

1 Questa è una buona dichiarazione generale sulla necessità dei Counselors. Come per ogni cosa buona che Hashem (Dio) dà, gli umani hanno un modo di fraintenderla e distorcerla a causa della loro peccaminosità. Questo non impedisce alle persone di aver bisogno e di cercare consigli. Al contrario, la natura peccaminosa dell’umanità richiede ancora di più la necessità di Counselors. Hashem (Dio) ha dato all’umanità la Scrittura Biblica che e’ ispirata dal Ruach Hakodesh (Spirito di Hashem (Dio), come il Proverbio sopra lo cita, nella loro peccaminosità come guida attraverso la quale possiamo servirci l'un l'altro.

Come molte cose nella vita, c'è più di un modo per dare Consigli su base biblica. La Bibbia registra una storia del popolo di Hashem (Dio) in cui usa mezzi diversi per persone diverse in circostanze simili. Gli Ebrei Messianici (Ebrei che sono redenti nel Moshiach di Israele Yeshua (Gesù il Messia) cercano di fare affidamento su Hashem (Dio) e il Suo Ruach Hakodesh (Spirito Santo) per comprendere meglio e applicare la Scrittura Biblica ispirata dal Ruach Hakodesh (Spirito Santo) in modo che possiamo aiutarci a vicenda a vivere secondo il livello di santità di Hashem (Dio) confidando solo in Yeshua (Gesù, Il Messia di Israele). Naturalmente, i credenti Ebrei Messianici non sono sempre d'accordo su quale modello sia il migliore o il più fedele alla Scrittura Biblica. È interessante notare che questi disaccordi spesso si verificano in situazioni in cui il risultato concordato ricercato è alla fine trovare la propria interezza e il significato della vita solo in Yeshua (Gesù, Il Messia di Israele).

Questo documento sarà diviso in tre sezioni. La prima sezione offrirà una panoramica su un approccio unico a un modello di Counseling basato sulla Bibbia. I concetti generali del modello di Counseling saranno visti alla luce di una comprensione biblica conservatrice generale in aree come la visione del mondo, la comprensione delle persone come creazione e il Counseling di Hashem (Dio).

Salvo diversa indicazione, tutte le citazioni delle Scritture Bibliche saranno dalla versione (Bibbia Ebraica del Rav. Di Segni) della Bibbia.

La seconda sezione fornirà una panoramica delle capacità di Counseling di base. Queste abilità saranno considerate in una valutazione dei punti di forza e di debolezza personali dell'autore. Questa valutazione delle capacità dell'autore proverrà da una prova di abilità e doni spirituali e dall'esperienza personale dell'autore nelle recenti sessioni di Counseling.

La sezione tre esaminerà brevemente le aree correlate di lutto, dolore e perdita.

Questa sezione offrirà situazioni scritturali nelle aree selezionate e considererà le intuizioni bibliche fornite in quelle situazioni. Questa sezione continuerà valutando le fasi del dolore insieme a nuovi metodi più utili di Counseling che abbracciano la storia della vita di un paziente per fasi intere piuttosto che sequenziali.

 

 

 

 

 

Panoramica sul Counseling su Base Biblica

Il movimento di Counseling su Base Biblica è stato guidato da Jay Adams negli anni '60.

Adams, insieme a John Bettler, fondò la Biblical Counseling & Educational Foundation (CCEF) .

2 Alcuni insegnamenti di Adams furono criticati da altri coinvolti nel CCEF. Lui, a sua volta, lasciò la CCEF negli anni '90.

3 Oggi, la CCEF e il punto di vista del Counseling su Base Biblica sono diventati popolari sotto la guida di persone come David Powlison. Verrà fornita una panoramica della visione della Counseling su Base Biblica di Powlison presentata in Psicologia e Giudaismo Messianico: cinque punti di vista.

4 La premessa antropologica di base di Powlison inizia con Hashem (Dio) e termina con l'umanità. Riassume la sua opinione in una frase. “Fattore, Giudice e Salvatore ci orientano mentre cerchiamo di dare un senso.

5 Tim Lane e David Powlison, "CCEf History, Theological Foundations and Counseling Model", CCEF, http://ccef.org/ccef-history-theological-foundations-and-counseling- model (consultato il 20 novembre 2010).

6 Eric L. Johnson, ed., Psychology and Christianity: Five Views (Spectrum), 02 ed. (Downers Grove, Ill .: IVP Academic, 2010), 32.

7 David Powlison, "A Biblical Counseling View", in Psychology and Christianity: Five Views (Spectrum), 245-62.

del funzionamento psicologico delle creature che sono fatte, giudicate e redimibili. ”

8 Questo punto di vista ha senso alla luce della Scrittura Biblica dove si trova la creazione, la caduta e la promessa di redenzione, tutte mostrate nel libro della B’reishit (Genesi). In Yeshua (Gesù il Messia) si trova l'adempimento di quella promessa di redenzione ed è attraverso di Lui che troviamo l'espressione più tangibile dell'amore e della cura di Hashem (Dio) per l'umanità.

Basandosi su questa antropologia biblica, il punto di partenza di Powlison è di interagire con l'intera situazione di vita di un individuo che include l '"interazione dinamica" tra l'individuo e "il Dio vivente".

9 Questo punto di partenza serve al Counselor per capire dove si trova il paziente in relazione alla sua situazione di vita, ma soprattutto in relazione a Hashem (Dio). Questa posizione di partenza consente al Counselor di avere un quadro generale della vita del paziente dal materiale allo spirituale. Questo è simile a quando Hashem (Dio) cercò Adamo ed Eva nel giardino. Hashem (Dio) ha cercato la loro posizione fisica e il loro stato spirituale quando ha affrontato il loro peccato.

Il passo successivo di Powlison è una comprensione più specifica del paziente attraverso "una conoscenza organizzata, per osservazioni ravvicinate e descrizioni sistematiche del funzionamento umano".

10 Fornisce molte fonti attraverso le quali i pazienti (e le persone in generale) possono essere compresi che includono la Bibbia oltre alla cultura e alla ricerca psicologica. Questi tipi di osservazioni possono essere visti nella narrativa biblica. Questo approccio è particolarmente evidente nell'interpretazione biblica in cui il lettore deve comprendere i vari aspetti culturali della storia per raggiungere una chiara comprensione.

11 Ibid., 248.

12 Ibid., 249.

13 Ibid., 253.

 

È interessante notare che non solo Powlison non esclude la ricerca secolare, ma afferma che "possiamo imparare, dovremmo imparare e imparare da chiunque e da tutti" .

14 Anche se non tutti i Counselors Giudeo Messianici sarebbero d'accordo con questa posizione, non è raro trovare la verità di Hashem (Dio) in fonti secolari. Guardando indietro attraverso le radici teologiche calvinistiche di Powlison troviamo che lo stesso Giovanni Calvino ha trovato la verità nei miscredenti o negli autori profani.

“Pertanto, nella lettura di autori profani, l'ammirevole luce della verità in essi manifestata dovrebbe ricordarci che la mente umana, per quanto decaduta e pervertita dalla sua integrità originaria, è ancora adornata e investita di mirabili doni del suo Creatore. Se riflettiamo sul fatto che il Ruach Hakodesh (lo Spirito di Hashem (Dio)) è l'unica fonte di verità, staremo attenti, poiché eviteremmo di offrirgli insulti, per non respingere o condannare la verità ovunque appaia. Disprezzando i doni, insultiamo il Donatore ”.

15 L'ultima domanda per il Counselor su base biblica potrebbe non riguardare tanto l'interrogare i fatti quanto il modo in cui questi fatti devono essere intesi. La posizione di Powlison è che l'intera vita di un individuo insieme ai dati raccolti deve essere compresa in un "modello interpretativo ed esplicativo che organizza e soppesa" tale esperienza e informazione.

16 Il fondamento biblico di un tale approccio interpretativo può essere visto nella Scrittura in vari casi dove viene presentato il vangelo. Viene presentato il vangelo; alcuni ci credono e altri no. Sia i credenti che i non credenti interpretano il messaggio del Vangelo in modo diverso. Una parte comprende il Vangelo dal punto di vista di Hashem (Dio) come verità che cambia la vita. L'altra parte nega il Vangelo come un insulto, che è il modo in cui lo comprende il mondo incredulo.

17 Ibid., 255.

18 John Calvin, Institutes of the Christian Religion (Bellingham: Logos Research Systems, Inc., 1997), 2.2.15.

19 David Powlison, "A Biblical Counseling View", in Psychology and Christianity: Five Views (Spectrum), 256.

La prospettiva è importante ed influenza il modo in cui si interpretano i fatti e l'esperienza.

L'interpretazione in quanto tale è una questione di autorità. L'idea di come la propria visione del mondo influenzi la propria interpretazione dei dati del cliente è la differenza fondamentale tra il punto di vista di Powlison sul Counseling e l'approccio secolare. Questo è vero per la vita giudeo messianica in generale poiché Hashem (Dio) ha dato una rivelazione speciale attraverso la Scrittura Biblica, deve essere sulla Sua autorità e rivelazione attraverso la quale il giudaismo messianico deve interpretare la vita.

Powlison applica le posizioni di cui sopra al regno del Counseling che egli intende come "pratiche e strategie [che] sono progettate per facilitare il cambiamento di credenze, comportamenti, sentimenti, atteggiamenti, valori e relazioni".

20 La posizione di Powlison è molto simile a una definizione secolare di Counseling che la descrive come "l'applicazione dei principi di salute mentale, psicologia o sviluppo umano, attraverso interventi cognitivi, affettivi, comportamentali o sistemici, strategie che riguardano il benessere, la crescita personale o lo sviluppo della carriera, nonché la patologia".

21 Gli obiettivi del Counselor su base Biblica e del Counselor secolare devono aiutare il paziente, ma è l'autorità da cui consigliano che li distingue.

 

 

Questa breve panoramica dell'approccio di Counseling di David Powlison ha certamente una cornice biblica. Assume un approccio più equilibrato rispetto al suo processore Jay Adams poiché è disposto a utilizzare le informazioni da tutte le fonti. La volontà di Powlison di utilizzare tali informazioni è anche biblica in quanto cattura la verità di Hashem (Dio) come si trova nella rivelazione generale, nonché l'imago dei che si trova nella natura umana. La spinta principale del punto di vista di Powlison è che i fatti e l'esperienza raccolti devono essere interpretati attraverso la rivelazione biblica che è, a parere di questo autore, ciò che rende l'approccio di Powlison uno da considerare.

22 Ibid., 257.

23 Samuel T. Gladding, Counseling Dictionary, The: Concise Definitions of Frequently Used Terms (Upper Saddle River: Prentice Hall, 2000), 32.

Abilità di Counseling di base

Affinché qualsiasi modello di Counseling sia efficace, il Counselor deve disporre di competenze di base per poter lavorare all'interno di un quadro di lavoro. Questa sezione del documento prenderà in considerazione alcune capacità di Counseling di base e valuterà i punti di forza e di debolezza dell'autore nelle aree indicate. La valutazione dell'autore sarà tratta da una prova sui doni spirituali e da quattro brevi sessioni di Counseling da lui condotte.

Le abilità nella Counseling di base sono importanti e sono necessarie se usate all'interno di un quadro di lavoro Ebreo Messianico o secolare. Il Counselor e il paziente devono essere in grado di lavorare insieme indipendentemente dall'approccio. Un Counselor Ebreo Messianico può imparare da una visione secolare che enfatizza l'empatia e l'autenticità.

24 Deve esserci un livello di vera cura e se il Counselor non possiede tali capacità una relazione produttiva sarà difficile se non impossibile.

Sono necessarie altre abilità per lavorare con un atteggiamento premuroso. L'empatia e l'autenticità da sole non bastano. Gary Collins fornisce alcune tecniche di base in cui un Counselor può svolgere i propri compiti. Elenca cinque categorie generali: partecipazione, ascolto, risposta, insegnamento e filtraggio.

25 Collins elenca le sottocategorie sotto risposta che aiutano il Counselor a comprendere i diversi modi di rispondere in base alla situazione del paziente. Il suo lavoro a cui si fa riferimento qui ha due decenni ed è elencato per mostrare coerenza tra i Counselors Giudeo Messianici.

C'è una lista di abilità proposto più di recente che complimenta l'elenco di Collins sopra che può essere più prontamente accettato dai Counselors Giudeo Messianici poiché proviene direttamente dalla Scrittura Biblica. Clinton, Ohlschlager e Centore si concentrano sulle parole greche chiave tratte da 1 Tessalonicesi 5: 14-18 e sviluppano una serie di capacità di Counseling.

26 Kia J. Bentley, Social Work Practice in Mental Health: Contemporary Roles, Tasks, and Techniques (Pacific Grove, CA: Brooks Cole, 2001), 80.

27 Gary R. Collins, Christian Counseling: A Comprehensive Guide, Revised ed. (Dallas: Thomas Nelson, 1988), 42-45. familiari sono sollecitare, avvertire, incoraggiare, aiutare e paziente.

 

 

 

28 Inoltre, gli autori includono le seguenti abilità compatibili:

1. ascolto attivo che include incoraggiamento verbale non verbale, silenzio e pazienza,

2. partecipazione che coinvolge il contatto visivo e il corpo linguaggio,

3. Risposta empatica che include riformulazione e focalizzazione,

4. Sondaggio che implica porre varie domande come aprire, chiudere e chiarire e

5. Definizione degli obiettivi che include passaggi di azione per aiutare il paziente a lavorare sul suo quesito e avvicinarsi a Yeshua.

29 Attingendo alle abilità di cui sopra verranno valutati i miei punti di forza e di debolezza (l'autore). Innanzitutto, la mia prova sui doni spirituali ha concluso che i miei primi cinque punti di forza, in ordine dal più forte al più debole, sono il discernimento, la conoscenza, la saggezza, l'evangelizzazione e il pasturare.

30 Il significato di questa valutazione è che valuto accuratamente le motivazioni e l'insegnamento. Sono analitica, desidero risposte su base biblica e sono pratica nell'applicazione biblica. Presento il Vangelo con fiducia e le persone sono attratte dal mio desiderio di nutrirle e guidarle. È mia opinione che questo sia accurato nella misura in cui questi tratti sono più forti di altri che possiedo.

Inoltre, questa stessa prova sui doni spirituali ha anche valutato le mie capacità. Sono venuta fuori come investigativa, sociale e poco convenzionale.

31 Queste conclusioni hanno senso data la mia propensione ad essere analitica, educativa e pratica. È un altro compito, tutti insieme, capire come il mio profilo di personalità mi aiuti a diventare un Counselor.

32 Tim Clinton, Archibald D.Hart e George Ohlschlager, eds., Prendersi cura delle persone a modo di Hashem (Dio): questioni personali ed emotive, dipendenze, dolore e trauma (Nashville: Thomas Nelson, 2009), 38.

33 Ibid., 38-39.

34 James McSwain, Finding Your Place in Ministry (Alpharetta: MDC Today, 2000), 76.

35 Ibid., 100.

Tutti e cinque gli aspetti della valutazione dei doni sembrerebbero complimentarsi con un Counselor.

Il discernimento mi permetterebbe di ascoltare, partecipare e sondare bene. È importante ascoltare e comprendere la situazione del paziente che è l'essenza del discernimento. Tuttavia, è possibile essere troppo perspicaci e analizzare troppo la situazione del paziente. La saggezza e la conoscenza sarebbero utili al Counselor avendo una buona comprensione della Scrittura Biblica e della sua applicazione alle varie situazioni che possono sorgere. La cautela che viene fornita con questi due doni potrebbe essere che esiste una tale tendenza alla verità che l'empatia non viene impiegata. L'empatia dovrebbe venire con gli ultimi due doni dell'evangelizzazione e del pasturare. C'è certamente cura per l'anima di un altro nell'evangelizzazione. Lo stesso si può dire per il pasturare. Entrambe queste caratteristiche si adatterebbero bene a un Counselor. Questi funzionerebbe bene anche con discernimento per quanto riguarda il sapere quando evangelizza e pasce.

 

 

Il passo successivo è capire come la mia valutazione delle capacità possa aiutare nel Counseling su Base Biblica. L'abilità investigativa sembra buona per IL Counselor poiché implica la risoluzione e la comprensione astratte dei problemi. Il rovescio della medaglia potrebbe essere che il problema del paziente può essere molto semplice e la tendenza a pensare eccessivamente alla situazione potrebbe venire alla luce. L'esito sociale della prova di abilità può anche essere visto come positivo se adeguatamente diretto. Questa capacità permette di andare d'accordo e di essere preoccupati per gli altri. Tuttavia, essere troppo socievoli con troppe persone può portare alla necessità di guardarsi dal tradire la fiducia del paziente. Cioè, se il paziente si trova in un luogo comune al Counselor, come all'interno della stessa Congregazione Ebreo Messianica. Essere convenzionali è la capacità finale di valutare i tratti di un Counselor. Questo può essere adatto a un Counselor in quanto fornisce stabilità all'interno della relazione di Counseling. Lo svantaggio potrebbe essere che la soluzione per un dato paziente potrebbe non essere quella convenzionale. Le vite e le emozioni umane non sono necessariamente convenzionali.

La valutazione più importante delle mie capacità di Counselor fino ad oggi può essere vista meglio nel modo in cui hanno funzionato nelle sessioni effettive. Userò il modello di Clinton, Ohlschlager e Centore per muovermi e commentare i miei punti di forza e di debolezza.

La prima delle cinque parole chiave del consiglio di 1 Tessalonicesi 5: 14-18 è urgente. Questo ha a che fare con l'essere lì per qualcuno e incoraggiarlo. Questa è un'area in cui potrei usare il miglioramento. Sicuramente capisco di essere nel momento con il paziente e provo empatia per lui/lei. Tuttavia, non sono sicuro di essere a questo punto a confortarli nel modo giusto. Ad esempio, il mio obiettivo nelle sessioni di Counseling era scoprire i problemi e incoraggiare il paziente nelle aree in cui aveva bisogno di miglioramenti. Avrei bisogno di sviluppare questa abilità in modo da incoraggiare il paziente a continuare a lavorare sui problemi piuttosto che cercare di portarli alla soluzione.

La prossima parola chiave è avvertire. Non ho avuto problemi ad affrontare e ad avvertire i pazienti del loro peccato. Credo che questo sarebbe un mio punto di forza. Sono molto sensibile a come potrei sottolineare il peccato. In un caso stavo consigliando un uomo alle prese con la pornografia. Anche se non dovevo convincerlo del suo peccato, dovevo trovare un modo per dimostrarne la gravità e aiutarlo a esprimere la sua reazione. Ho riformulato il problema della pornografia in uno scenario in cui uno dei suoi figli era quello che si occupava di pornografia. Questo gli ha permesso di vedere un'immagine molto più completa del suo problema sulla dipendenza dalla pornografia. Riuscì anche a capire più chiaramente se stesso e su quali azioni poteva essere saggio seguire per affrontare il suo peccato.

Incoraggiare è la parola successiva usata. Questa parola va di pari passo con l'impulso. Tuttavia, va più in profondità nel senso di aiutare qualcuno che è in lutto. La sessione più vicina che ho avuto con qualcuno in lutto è stata quella di qualcuno che ha perso il lavoro. C'erano certamente dolore e amarezza presenti. Non ero esattamente sicuro di come confortarli a questo punto. Sicuramente ho bisogno di più lavoro in questo settore. Il paziente ha capito che doveva andare avanti e non trattenere queste emozioni, ma non era ancora pronto. Semplicemente non ero sicura di come placare i loro sentimenti negativi verso la perdita del lavoro.

Aiuto è la prossima parola chiave. Le mie stesse sessioni erano modi per aiutare gli altri. Questa è un'area in cui è necessario migliorare. In generale, stavo aiutando coloro che avevo consigliato. Sono stato in grado di incoraggiare le reti di supporto nella vita dei pazienti, ma non ero esattamente sicura di quanto aiuto fossi stata personalmente durante il nostro tempo insieme. Può darsi che avrei bisogno di più sessioni con i pazienti in modo da poter capire quanto possa essere utile anche la presenza di un'altra persona. Questa è un'area in cui avrei bisogno di più feedback per capire più chiaramente come sta progredendo un paziente.

 

 

 

Infine, sii paziente è l'ultima parola o frase. So che questa è un'area in cui ho bisogno di crescere. Ho pazienza, ma ne ho bisogno di più. Ho bisogno di imparare a leggere meglio il paziente durante la sessione di Counseling per capire fino a che punto spingere invece di non spingere affatto. Nella seduta con l'uomo che e’ dipendente dalla pornografia ha capito il suo peccato, quindi non è stato eccessivamente difficile spingere un po' nell'area del peccato. È stato facile per me vedere una porta aperta dove potevamo occuparci più direttamente del suo peccato.

In un'altra seduta con una donna che era ancora arrabbiata per aver perso il lavoro non ho fatto altrettanto. Ho spinto troppo oltre e troppo velocemente sui suoi sentimenti. Non ero paziente come avrei dovuto e lei mi ha detto che ero andata un po' troppo oltre.

È qui che entra in gioco l'altra serie di abilità per il Counselor. Se fossi stata un ascoltatrice più attiva, avrei notato che spingevo troppo oltre la signora. Avrei potuto resistere alle mie domande e riflettere di più con lei. Le abilità coinvolte qui che si occupano della comunicazione verbale e non verbale devono essere migliorate. Credo di essere migliorata in queste aree poiché aiuto in più sessioni di Counseling. La parte attiva dell'ascolto attivo è certamente importante ed è qualcosa che deve essere molto intenzionale nelle sessioni.

Questa abilità va di pari passo con la partecipazione. All'inizio è stato difficile assistere il paziente mentre si cercava di capire come rispondere dopo. Questa è stata la mia sfida più grande all'inizio in questo settore. Ho ascoltato e ho cercato di dedicare tutta la mia attenzione al paziente. Tuttavia, alcune volte all'inizio sarei potuta rimanere intrappolata nel tentativo di trovare le parole giuste con cui rispondere. Posso anche usare un po' di lavoro con il linguaggio del corpo in quest'area. Uso le mani quando parlo, ma non è esattamente come usare il mio corpo per mostrare interesse. In realtà, a volte le mie mani possono essere troppo fastidiose e non necessariamente confortanti. Il mio contatto visivo era buono, ma avrei avuto bisogno di più pratica per discernere, nel suo insieme, quest'area di partecipazione in me stessa.

L'abilità della risposta empatica non è del tutto persa per me. Sono in grado di riformulare e riassumere la situazione del paziente. Tuttavia, non sono sempre sicura di cosa seguire. Forse il riformulare e il riassumere se stessi con parole come “ho capito” sono sufficienti per consolare il cliente. Non sono sicura a questo punto. Sicuramente ho bisogno di più formazione in questo settore. Tuttavia, sembra che il mio comportamento generale sia di cura ed empatia.

L'empatia è molto utile quando si tratta di sondare il paziente. Domande molto dirette al momento sbagliato possono sembrare invasive piuttosto che utili. L'ho sperimentato quando ho sondato troppo in una sessione. Sembrava che l'aspetto terapeutico delle domande potesse fare il suo corso rapidamente se le domande sbagliate vengono poste nel momento sbagliato. Il sondaggio aiuta a capire il quadro generale di dove si trova il paziente nei suoi bisogni. Un'area di sondaggio su cui ho bisogno di aiuto è capire come iniziare una sessione di Counseling. Durante le mie sessioni non ero a mio agio con le mie richieste in anticipo. Anche dopo aver pregato con i pazienti c’era un silenzio imbarazzante. Proverei quindi ad avviare delicatamente una conversazione.

L'abilità di definizione degli obiettivi è quella che devo studiare più a fondo. Questa potrebbe essere la mia area più debole, in parte, perché mi manca usare questo approccio nella mia vita. Capisco dove si trova il paziente e dove dovrebbe essere. Non sono sempre sicura di come portarli lì. Per il paziente con problemi coniugali e quello con una dipendenza dalla pornografia, conoscevo alcuni passaggi pratici per fornirli. Anche con la paziente che era in lutto per la sua perdita di lavoro, sono stato in grado di esprimere loro che c'è molta più vita a venire. Tuttavia, in tutte queste situazioni non ero sicura di quali obiettivi aiutarli a stabilire. Né avrei saputo come impostare un piano per raggiungere quegli obiettivi. Forse sto cercando di capire la definizione degli obiettivi alla luce di dare al paziente un piano di trattamento completo.

 

 

Alcuni dei feedback ricevuti dalle sessioni di Counseling sono stati che la preghiera e la lettura delle Scritture Bibliche sono state d'aiuto. Anche così, non ho offerto alcuna tempistica concordata né obiettivi formali. Nel complesso, la mia valutazione personale di me stessa è che ho la struttura delle competenze di base su cui costruire per diventare un Counselor. Passare attraverso le mini sessioni di Counseling e valutare le mie capacità ha reso il Counseling attraente. Queste sono certamente abilità di cui ogni credente Ebreo Messianico potrebbe beneficiare a un certo livello. I Rabbini e altri leader del corpo del Moshiach ne trarrebbero vantaggio in particolare. Ho intenzione di continuare a valutare e migliorare le mie capacità di consulenza. A questo punto, desidero ricevere consigli esterni in modo che il mio pregiudizio non offuschi il giudizio personale di me stesso. Devo mettermi in guardia in modo da non esprimere un giudizio affrettato sul mio futuro. Non desidero aggiungermi a nessun elenco di poveri Counselors che potrebbero essere là fuori. Desidero veramente aiutare le persone e se si scopre che la mia autovalutazione è sbagliata, posso aiutare meglio le persone non diventando un Counselor Ebreo Messianico. Come uno che desidera una carriera nel ministero vocazionale, la possibilità di diventare un Counselor Ebreo Messianico è ora sul tavolo.

Lutto, dolore e perdita

Lutto, dolore e perdita possono essere le emozioni più difficili che una persona può affrontare durante la sua vita. Capire come trattare questi problemi è molto importante per i Rabbini poiché ogni persona può essere toccata da loro direttamente o indirettamente attraverso le relazioni personali. Il lutto è il lutto che si verifica dopo una morte. Il dolore può anche essere vissuto a causa di “divorzio, transizione di vita, disgusto, o sfortuna. ”

36 Queste emozioni sono normali reazioni umane.

Questa sezione del documento fornirà esempi biblici di lutto e alcuni modi possibili per affrontare il lutto durante il Counseling. È importante capire che il popolo di Hashem (Dio) non è estraneo al lutto per farla finita con il termine improprio secondo cui l'Ebreo messianico è in qualche modo immune a tali emozioni. Il Giudaismo Messianico non offre una via di fuga dal dolore, ma un modo per addolorarsi con speranza. Il lutto può essere trovato sia nell'Antico che nel Nuovo Patto/Testamento. Si può anche sostenere che Yeshua Stesso soffrisse. Certamente pianse come affermato nel capitolo 11 del vangelo di Giovanni.

In Gen. 37:34 nel Tanakh (Antico Patto/Testamento), quando Yaakov (Giacobbe) fu indotto a credere che suo figlio Giuseppe fosse stato ucciso, "pianse per suo figlio molti giorni". La reazione di Yaakov (Giacobbe) è andata oltre il lutto. Ha reagito in modo che qualsiasi persona in questa situazione potesse reagire. "Tutti i suoi figli e tutte le sue figlie si alzarono per consolarlo, ma lui rifiutò di essere consolato e disse:" No, andrò nello Sceol da mio figlio, in lutto ". Così suo padre pianse per lui ”, afferma B’reishit (Genesi) 37:35. Yaakov (Giacobbe) è stato ritirato e ha rifiutato l'aiuto della sua stessa famiglia. Yaakov (Giacobbe) era il patriarca della sua famiglia. Era forte eppure le sue emozioni lo sopraffacevano così tanto che voleva seguire suo figlio per risiedere con lui nel luogo della sua morte. Questo è un ottimo esempio di quanto possano essere forti le proprie emozioni indipendentemente dal proprio stato. Anche i più forti e rispettati non sono immuni agli effetti del lutto.

Gli effetti del lutto possono essere visti anche nella storia biblica del re Davide. Ci sono esempi del giudizio e della sovranità di Hashem (Dio) nella storia di Davide. In 2 Samuele 12, Davide peccò contro Hashem (Dio) e fu giudicato per questo da Hashem (Dio) che prese la vita di suo figlio. Mentre Davide alla fine ha trovato conforto nelle azioni di Hashem (Dio), una persona in lutto potrebbe non trovare conforto immediato nell'esempio della storia di Davide. Si potrebbe essere cauti nel rivolgersi a quest'area della Scrittura Biblica per la prima riga di conforto. Ci sono implicazioni nella situazione di David che devono essere attentamente considerate.

 

 

Davide peccò e non ci pensò molto finché il profeta Natan non glielo rivelò chiaramente. Davide quindi si è assunto la responsabilità del suo peccato. Natan ha anche rivelato che il giudizio di Hashem (Dio) contro Davide era di togliere la vita a suo figlio. Ciò ha permesso a Davide di piangere la prossima morte per sette giorni. Dopo la morte di suo figlio, Davide aveva finito di soffrire, aveva accettato il risultato e se n'era andato.

Mentre la situazione di Davide offre conforto che Hashem (Dio) ha il controllo della vita e della morte, una persona in lutto può essere tentata di pensare di essere punita per un peccato particolare. Tuttavia, senza la rivelazione diretta da Hashem (Dio), che Davide ha avuto tramite il profeta Natan, sarebbe una speculazione pensare che Hashem (Dio) ha preso la vita di un altro a causa del peccato del lutto. Questo può portare alla rabbia verso Hashem (Dio) e alla paura di vivere per paura di commettere un altro peccato che potrebbe provocare la morte di qualcun altro. Deve essere chiaro che David aveva una relazione speciale con Hashem (Dio) e che la sua situazione è descrittiva piuttosto che prescrittiva per l'Ebreo Messianico.

Naturalmente, anche gli Ebrei Messianici hanno una relazione speciale con Hashem (Dio) attraverso Yeshua. È una relazione che tutte le persone possono avere attraverso la sola fede. È importante capire che non solo questa relazione è disponibile attraverso il Mashiach (Yeshua), vero uomo vero Dio, il figlio di Hashem (Dio), può simpatizzare con coloro che sono in lutto. Una profezia del Tanakh (Antico Testamento) su Yeshua, il Messia in arrivo, si trova in Isaia 53: 3 che afferma: “Fu disprezzato e rigettato dagli uomini; un uomo di dolore, e consapevole del dolore; e come uno dal quale gli uomini nascondono i loro volti, era disprezzato e noi non lo stimavamo ". Yeshua, che è venuto come uomo, è stato rifiutato dalle persone e sapeva cosa significava addolorarsi. Lo stesso Hashem (Dio) che è venuto a riparare la sua relazione con i peccatori è stato disprezzato da loro. Questo è un aspetto importante del giudaismo messianico che consente al Counselor di colmare il divario tra Hashem (Dio) e l'uomo con un Hashem (Dio) che capisce cosa significa essere umano e sperimentare emozioni umane.

Il Counselor Ebreo Messianico può essere in grado di connettersi con il paziente usando le esperienze di Yeshua stesso. Usare gli esempi biblici delle esperienze di Yeshua (Gesù) è un modo per mostrare empatia da Hashem (Dio) stesso al paziente. Questo esprime che Hashem (Dio) è impegnato e preoccupato per ogni individuo e le sue lotte instillando speranza attraverso il loro dolore. 1 Tess. 4: 13-14 è un passaggio ben noto su Yeshua che dà speranza attraverso il lutto, "Ma non vogliamo che siate disinformati, fratelli, riguardo a coloro che dormono, affinché non vi rattristiate come fanno gli altri che non hanno speranza. Poiché crediamo che Yeshua (Gesù) è morto e risorto, anche così, attraverso Yeshua, Hashem (Dio) porterà con sé coloro che si sono addormentati ". Questo passaggio va oltre il conforto del dolore temporale di una persona nel cuore dell'ultima speranza degli Ebrei Messianici che si trova nel Brit Chadasha (Nuovo Patto/Nuovo Testamento).

Il vangelo offre conforto ora mentre si è nel regno terreno, ma la speranza degli Ebrei Messianici è nell'attesa di essere con Hashem (Dio) in uno stato perfetto con un nuovo corpo nell'aldilà. Una volta passato da questo mondo, l'Ebreo Messianico non proverà più emozioni terrene come il dolore. Tuttavia, la Scrittura non dovrebbe essere usata in modo tale da dare una risposta semplice a coloro che sono in lutto. La vera ragione per cui l'apostolo Shaul (Paolo) scrisse ciò che fece nel brano di Tessalonicesi sopra è per ricordare a coloro che erano in lutto la loro ultima speranza. Era un atto di cura e amore quello che stava offrendo ai Tessalonicesi nel suo promemoria. Si noti che l'apostolo Shaul (Paolo) non ha scoraggiato il lutto, ma spiega come dovrebbe soffrire un Ebreo Messianico. Ci sono punti in comune nei riferimenti biblici di cui sopra al dolore e alla perdita. In nessuno dei passaggi il lutto era scoraggiato, anzi era previsto e compreso. È presente una fede nell'aldilà. Naturalmente, la più completa comprensione della speranza nell'aldilà è più chiara nel Nuovo Patto / Testamento. Il quadro generale delle somiglianze per il Counselor che può essere facile trascurare nel cercare di imparare dai dettagli è che i dettagli circostanti e la relazione con Hashem (Dio) sono compresi in ogni scenario. Questo può essere un primo passo importante per il Counselor per capire la persona in lutto che viene consigliata.

 

Acquisire una comprensione completa della vita di un individuo e dei dettagli che circondano il suo dolore è in linea con l'approccio di Powlison, come indicato nella prima sezione di questo documento. Quando si ha a che fare con una persona in lutto, il dolore non è il problema, ma una reazione a un problema (perdita). Nell'apprendere i dettagli della vita del paziente è molto importante per il Counselor Ebreo Messianico non trascurare la relazione del paziente con Hashem (Dio). Anche se la relazione con Hashem (Dio) è importante, si può credere in Hashem (Dio) e provare comunque un vero dolore. Credere in Hashem (Dio) non cancella automaticamente la sofferenza emotiva. Sembra saggio che il consigliere Ebreo Messianico lo capisca e lo comunichi al paziente.

Sebbene i dettagli della propria vita possano essere un buon punto di partenza, è solo l'inizio per scoprire quali aspetti della vita di una persona possono influenzare il suo dolore o essere influenzati dal suo dolore. Il Counselor Ebreo Messianico potrebbe trovare utili le ben note fasi del dolore di Mary Kübler-Ross - negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione. Tuttavia, studi scientifici moderni hanno concluso che queste fasi potrebbero non verificarsi in un processo così facile da capire. "Al livello più ovvio, gli studi scientifici non sono riusciti a supportare alcuna sequenza distinguibile di fasi emotive di adattamento alla perdita o a identificare un chiaro punto finale del lutto che designerebbe uno stato di" guarigione "."

37 Le fasi di Kübler-Ross potrebbero quindi essere utili non come sistema, ma come un modo per comprendere le fasi individualmente. È interessante notare che le conclusioni scientifiche su queste fasi non sono al di fuori del regno del pensiero degli Ebrei Messianici nel processo di santificazione. La santificazione nella vita messianica dell'Ebreo che ha l'obiettivo di rendere il credente più simile a Yeshua è un processo continuo in cui non si arriva a questa trasformazione fino alla morte. In altre parole, ci sono molti elementi coinvolti nel rendere spiritualmente integro l'Ebreo Messianico, ma non esiste un processo specifico in cui confrontare la propria vita con quella per spostare una determinata persona verso la fase successiva. Il processo di santificazione Ebreo Messianica coinvolge molte sfaccettature complesse. Sebbene ogni parte della santificazione possa non avere una specifica sequenza distinguibile, ci sono somiglianze osservabili in ogni persona che possono manifestarsi in modo diverso a seconda delle circostanze.

Inoltre, poiché la teoria dello stadio potrebbe non essere considerata utile come una volta, potrebbe essere utile apprendere quali altri approcci sono invece emersi. Vengono utilizzati tre nuovi approcci: 1. Cognitivo combinato con consapevolezza culturale interpersonale, 2. Identificazione di cambiamenti biologici e 3. Terapia narrativa.

Il Counselor Ebreo Messianico può trovare questi tre approcci utili e complementari a un metodo di Counseling Biblico. Elementi di terapia cognitiva possono essere visti nel fatto che gli Ebrei Messianici devono essere trasformati dal rinnovamento delle loro menti come scritto dall'apostolo Shaul (Paolo) in Romani 12: 2. Si può trovare una più completa comprensione dei pensieri di un paziente.

38 Robert A. Neimeyer, ed., Ricostruzione del significato e l'esperienza della perdita (Washington: American Psychological Association (APA), 2001), 3.

39 Bruce A. Demarest James R. Beck, The Human Person in Theology And Psychology: A Biblical Anthropology for the Twenty-first Century (Grand Rapids, MI: Kregel Publications, 2006), 104-5.

comprendere i vari aspetti delle loro relazioni culturali. Sarebbe importante per il consulente capire cosa sta influenzando esattamente le loro convinzioni.

 

 

 

L'utilità dei cambiamenti biologici di un paziente aiuta il Counselor a capire e l'atteggiamento di una persona a causa di eventuali cambiamenti ormonali o farmaci utilizzati. Sebbene un cambiamento biologico possa non essere qualcosa che un Counselor Ebreo Messianico può correggere, è importante lavorare con il medico del paziente in queste situazioni e accettare l'uso del dono della scienza medica di Hashem (Dio). La medicina può essere necessaria in caso di un cambiamento biologico che possa aiutare il paziente a funzionare fisicamente e mentalmente in modo che possa partecipare a sessioni di Counseling.

La terapia narrativa nell'area di coloro che soffrono per una perdita sembra adattarsi bene all'interno di un quadro di Counseling su base biblica. Un'osservazione pragmatica è che la vita di ogni persona è una storia. Le persone tendono a ricordare le loro esperienze passate in forma narrativa. I bambini vengono insegnati attraverso la narrativa.

La fede Giudeo Messianica è la storia della creazione di Hashem (Dio), della ribellione dell'uomo e della redenzione di Hashem (Dio) attraverso Yeshua. In un certo senso, questa è la storia delle vite individuali. I problemi della vita vengono creati, volontariamente o meno, a cui si reagisce o si ribella, e quindi si cerca una sorta di redenzione. La narrazione sembrerebbe permettere di collocare la storia della vita di un individuo nella narrazione biblica che alla fine guida e trova la soluzione in Yeshua. Come notato sopra, Yeshua (Gesù) è uno che può relazionarsi alla sua creazione in tutti i modi. Ciò consente ai paralleli narrativi della vita di Yeshua (Gesù) e del paziente di allinearsi. Questo approccio sembra molto vantaggioso per il Counselor Ebreo Messianico.

Ci sono fattori di dolore e perdita che non sono immediatamente evidenti indipendentemente dal modello di Counseling utilizzato. Il tempo e l'intensità del dolore variano da persona a persona. Sebbene il lettore degli esempi biblici di lutto forniti sopra possa comprendere il contesto del dolore emotivo, non c'è alcuna indicazione di quanto tempo dovrebbe durare quel dolore. Sebbene ci siano reazioni di testimoni registrate in quegli scenari, non c'è una chiara indicazione di quanto fosse intenso il lutto per ogni persona. "Una persona potrebbe non provare emozioni forti per un certo periodo di tempo, solo per vederle tornare indietro di corsa, come un visitatore indesiderato".

40 Questo è un aspetto importante da comprendere per il Counselor e per il quale essere preparato. Le domande in scala possono aiutare il Counselor a comprendere meglio l'intensità delle emozioni del paziente e la vicinanza che il paziente sente verso Hashem (Dio).

"Non è facile per una persona in lutto determinare quando il viaggio è finito, quando la persona ha completato il processo del lutto."

41 Proprio come cercare di capire l'intensità del lutto, anche la durata non è facilmente misurabile. Il re Davide si rattristò per sette giorni sotto il giudizio di Hashem (Dio) che toglieva la vita a suo figlio. Tuttavia, questo lasso di tempo non è uno standard, piuttosto è un record dell'evento. Un paziente deve comprendere anche questo aspetto del lutto. Il tempo e l'intensità del dolore di un paziente sono variabili che dovrebbero essere considerate in un piano di trattamento. Non ci sono percorsi chiari e rapidi garantiti per il recupero e il Counselor deve essere in sintonia con questo.

Un aspetto importante del Counseling su base biblica è il modo in cui vengono interpretati i fattori di perdita e dolore nella vita del paziente. Il Counselor su base biblica può trarre importanti intuizioni dalla ricerca secolare, ma la visione del mondo del Giudaismo Messianico ha il vantaggio del significato della vita dalla sua parte. Anche se non si comprende mai del tutto il significato del loro dolore, alla fine possono trovare conforto in Yeshua e nel futuro che verrà. La visione del mondo del Giudaismo Messianico offre una comprensione che il mondo è un luogo caduto che esiste tra le persone peccaminose.

 

 

L'Ebreo Messianico si aspetta di soffrire e potrebbe avere un'idea di come il lutto possa avvicinarli ad Hashem (Dio). In assenza della comprensione biblica degli scopi di Hashem (Dio), non si ha alcun significato per il proprio lutto.

42 Scott Floyd, Crisis Counseling: A Guide For Pastors and Professionals (Grand Rapids: Kregel Academic & Professional, 2008), sotto "1075-81", Kindle per PC.

43 Ibid., 1083-92.

I fatti nella vita di un paziente sono solo semplici fatti di osservazione senza Hashem (Dio). La prospettiva di un paziente senza Hashem (Dio) può ridursi a sé come la parte più importante della vita di quella persona mentre allo stesso tempo il sé è esattamente dove risiede il problema. Questo può creare un circolo vizioso di impotenza.

La visione biblica della vita inizia con Hashem (Dio), che è trascendente ma personale e interessato alle vite individuali. La comprensione Giudeo Messianica della vita, tuttavia, non è individuale. Proprio come le persone sono esseri relazionali, Yeshua costruisce il Suo corpo come un corpo unico fatto di individui. Un paziente può trovare conforto nella famiglia della Congregazione Ebreo Messianica che non è qualcosa che il Counselor non credente in Yeshua HaMashiach come proprio signore e salvatore, vero Dio e vero uomo, parte della trinità con il Ruach Hakodesh (Spirito Santo) e figlio di HaShem (Dio) può offrire. Il corpo del Moshiach Yeshua (Gesù il Messia) deve essere un'immagine del Vangelo e portare i pesi gli uni degli altri. Ci sono molti doveri che gli Ebrei Messianici devono fare l'uno per l'altro che possono aiutare nella guarigione di un paziente.

La comprensione di tre in uno di Hashem (Dio) offre la base per l'amore e la relazione. Queste sono le caratteristiche di Hashem (Dio) che furono trasmessi alla Sua creazione umana. Per il Counselor Ebreo Messianico è Hashem (Dio) che dà significato sia al lavoro del Counselor che ai problemi del paziente.

Conclusione

C'è molto da considerare per il Counseling Ebreo Messianico, specialmente per quelli che hanno appena iniziato nel campo. Che l'approccio sia secolare o sacro, c'è un obiettivo comune per il bene comune dell'umanità. L'immagine di Hashem (Dio) non può essere cancellata, nemmeno dal lato secolare e incredulo del Counseling. Detto questo, sembra importante per il Counselor Ebreo Messianico non respingere semplicemente l'intuizione secolare a causa della sua etichetta. L'apostolo Paolo scrive in Romani 1 che tutte le persone hanno una conoscenza naturale di Hashem (Dio), ma "la loro ingiustizia sopprime la verità". Un Counselor Ebreo Messianico può aiutare gli altri a comprendere questa verità con l'aiuto del Ruach Hakodesh (Spirito Santo). In questo modo il Ruach Hakodesh (Spirito Santo) può aiutare il Counselor Ebreo Messianico a comprendere l'utilità e la verità che si trovano nelle teorie secolari. Quando tutto è stato detto e fatto, per il Counselor Ebreo Messianico, è Yeshua, attraverso il Suo vangelo, che ottiene tutta la Gloria. Può usare qualsiasi mezzo necessario per ottenere la guarigione e la redenzione delle anime. Se Hashem (Dio) può usare un asino parlante e una balena per cambiare la vita delle persone, sicuramente può usare anche umani ignoranti, ma ragionanti. A parte ogni capacità di persuasione, Yeshua è l'ultimo esempio di prendersi cura degli altri in azione. Matteo14: 13-14 dà una grande comprensione delle cure che Yeshua aveva anche quando aveva appena appreso della morte di suo cugino quando “si ritirò da lì su una barca in un luogo desolato da solo. Ma quando le folle lo udirono, lo seguirono a piedi dalle città. Quando scese a terra vide una grande folla, e ne ebbe compassione e guarì i loro malati ". Il Counseling Ebreo Messianico sembra essere in linea con il resto della vita Ebreo Messianica. Ci sarà sempre del lavoro da fare per santificare la pratica del Counseling. Le persone continueranno ad essere un lavoro in corso fino al ritorno di Yeshua. Poiché gli Ebrei Messianici non vedono l'ora di stare con Yeshua, nel frattempo ci sono persone a cui prestare servizio.

 

 

BIBLIOGRAFIA SELEZIONATA

Libri

Beck, Bruce A., Demarest James R. The Human Person in Theology And Psychology: A Biblical Anthropology for the Twenty-first Century. Grand Rapids, MI: Kregel Publications, 2006.

Bentley, Kia J. Social Work Practice in Mental Health: Contemporary Roles, Tasks, and Techniques. Pacific Grove, CA: Brooks Cole, 2001.

Clinton, Tim, Archibald D. Hart e George Ohlschlager, a cura di. Prendersi cura delle persone secondo lo stile di Dio: problemi personali ed emotivi, dipendenze, dolore e traumi. Nashville: Thomas Nelson, 2009.

Collins, Gary R. Christian Counseling: A Comprehensive Guide. Ed. Revisionata Dallas: Thomas Nelson, 1988.

Gladding, Samuel T. Counseling Dictionary, The: Concise Definitions of Frequently Used Terms. Upper Saddle River: Prentice Hall, 2000.

Johnson, Eric L., ed. Psicologia e cristianesimo: cinque punti di vista (spettro). 02 ed. Downers Grove, Ill .: IVP Academic, 2010.

McSwain, James. Trovare il tuo posto nel ministero. Alpharetta: MDC Today, 2000.

Neimeyer, Robert A., ed. Significato Ricostruzione ed esperienza di perdita. Washington: American Psychological Association (APA), 2001.

Powlison, David. "Un punto di vista biblico di consulenza". In Psicologia e cristianesimo: cinque punti di vista (spettro). 02 ed. A cura di Eric L. Johnson. Downers Grove, Ill .: IVP Academic, 2010.

Documenti elettronici

Calvin, John. Istituti di religione cristiana. Bellingham: Logos Research Systems, Inc., 1997.

Floyd, Scott. Consulenza in caso di crisi: una guida per pastori e professionisti. Grand Rapids: Kregel Academic & Professional, 2008. Kindle per PC.

Hawkins, Ron e Tim Clinton. Guida di riferimento rapido al consiglio biblico, The. Grand Rapids: Baker Books, 2009. Kindle per PC.

 

15

Related articles

Online Couple Counselling

In this article the question of whether online couple counseling and it's benefits and negatives to face to face is explored

Pasquale Forcellati  | 12 found this helpful

COUNSELING DURING PANDEMICS

ONLINE COUNSELING DURING PANDEMICS AND AFTERWARDS

Anel Engelbrecht  | 6 found this helpful

The History of Online Counselling

Online counselling, also referred to as e-counselling and telecounselling, which is mental health services.

George Stack  | 10 found this helpful

Introduction to Messianic Jewish Counseling

In Proverbs 11:14 Hashem (God) gives some insight into the importance of counselors

Gavriela Frye  | 13 found this helpful